30/11/15

Raccontare storie....... per un preside

Si avvicina il Natale in Italia,le  vacanze invernali, feste molte per celebrare l'arrivo del bambino Gesù, simbolo di pace, amore e perdono sulla terra, anche il simbo della migrazione e l'emarginazione, perché, nato in una grotta o stalla,  in viaggio con i genitori per ordine di un dittatore quest'anno in Europa, le Feste, sono sotto pressione dall'ombra dei fanatici terroristi che hanno seminato odio, sfiducia e la paura in molte persone, oltre a mietere vite innocenti, queste feste sono quindi più importani  che mai, perché servono a dimostrare che il male e le tenebre non dovranno avere sucesso contro la luce e la bontá.

In Italia, porta perenne di migliaia di persone che migrano verso la promessa di miglioramento economico e di opportunità per sfuggire alla guerra, tradizioni arcaiche, l'odio tribale, la fame e le malattie, le feste  hanno un senso importante, perché l'Italia ha in Roma  la culla della Chiesa fondata da Pietro per  amore verso il suo maestro e per  la fede nel Creatore supremo. Ultimamente, lentamente, forse per cercare di alleviare le differenze a volte create con campagne mediatiche che incitano alla sfiducia verso chi è venuto da altrove, o era di un altro colore,o forse per  la crisi interna che genera una mancanza di lavoro e di liquidità económica e anche per colpa delle  azioni delle persone che entrano nel paese  e si mescolano ai malavitosi locali,  gradualmente in Italia è stata la creazione di una negazione della realtà storica, l'Italia è uno Stato laico a prevalenza cattolica o cristiana, e quindi , anche nei programmi scolastici la religione è insegnata dicono che dal periodo di Mussolini, i bambini stanno andando al catechismo se i genitori decidono di iscrivergli dai primi anni di scuola, questo è qualcosa ch, e è sempre esistito e quindi, chi arriva in Italia anche se nell suo mondo  professava una religione animistica, o derivati da studi e la pratica della religione che insegna il Corano, o scintoista, buddista, protestante, conosce e sa quello sei un migrante verso un mondo prevalentemente cristiano, il qualle ti accoglie umanitariamente ma,  non deve diventare per quello un mondo alla tua somiglianza, tu accetti venire a inserirti in una realtá diversa e migliore per certi versi, accettala come é, non come vorresti che fosse.


La proposta di abbandono della tradizione perché la tradizioneera, é stato avviata, per rimuovere il crocifisso dalle aule, Promosso e sostenuto ancora  con grande forza( la rimozione del símbolo del martirio) per la  Unione degli Atei e degli Agnostici semplificata, composta da italiani che professano lógicamente nessuna  forma religiosa, numerose iniziative sono state portate dinanzi agli organi giurisdizionali e anche nelle sentenze della Corte europea sono stati ottenuti in alcuni casi sentenze che hanno imposto l'eliminazione del símbolo

https://youtu.be/YzlvzvBq89U

Vediamo ora una situazione attuale, il direttore di una scuola nel nord Italia, ha detto dando un'intervista televisiva ad un giornalista, che durante il periodo natalizio, prima delle vacanze di Natale concessi nelle scuole italiane, a causa delle vacanze Cattoliche  24 e 25 dicembre  collegate all'ultimo giorno dell'anno e le feste del 6 gennaio giorno della BEFANA in tutta la Repubblica , aveva deciso che non  ci sianno canti religiosi nell coro infantile della sua scuola, cori che  solitamente vengono organizzati: la ragione brandita  era non offendere la sensibilità di una fett degli allievi , visto che  più o meno del 20% degli studenti delle scuole erano stranieri e quindi non professano il culto al  Avvento.Quando il suo saggio ordine  fu coinvolto in un vortice di pareri arrabbiati, e  lui chiamato per superiori, per dire come e perche ,  ha risposto con un albero di Natale dietro, che dallo scorso anno non permette  le canzoni cristiane , visto che lui intendeva non ferire  i sentimenti dei  musulmani che non erano interessati ad ascoltare queste canzoni..

http://video.corriere.it/rozzano-parla-preside-dopo-parigi-canti-religiosi-provocazione-pericolosa/4f8ce1e4-9513-11e5-b54c-257f4e9e995d

Dichiara, Essere coerente e insiste lo fa per prevenire i conflitti e insegnare la tolleranza ai bambini, povero direttore,  studió la Pedagogía?, Qualcuno ha mai spiegato  a questo professore, che i bambini sono gli esseri più tolleranti e ugualitari e che, quando diventano intolleranti è a causa di noi  aduti, che a forza di agire male  e di lanciare  idee sbagliate iene di discriminazione o frasi  difidenti, cambiamo sla ua bontà e sapienza spontanea?. Si rende conto che crea un punto di frizione tra i bambini di una religione o di un'altra, o del genitore di entrambi religione?, No, non si rese conto, perché non ancora veramente sa  il vero significato die simboli.

Illuminate questo insegnante:






L'albero di Natale non è puramente cattolico è un sincretismo di antichi simboli delle chiamate religioni pagane, quando i primi cristiani arrivaronno nell  nord Europa scoprisero che nel tempo  prossimo  ai giorni di Natale, la gente del posto festeggiavanno attorno a  un bellissimo albero adornato in onore di FREY, dio del sole e della fertilità,va anche detto che  San Bonifacio che evangelizzara  la oggi  Germania, decisse  tagliare un albero FREY e pianto al suo posto un bellissimo abete, decorato  con le candele e mele, CAndele che  significavano  la luce di Gesù e frutta il famoso  peccato originale, che poi lentamente cominciò a cambiare per le varie decorazioni colorate e luci moderne .luego viene la  tradizione che San Nicolas lascia sotto gli alberi  regali per i bambini è stato aggiunto Nicola, Bbbo  Natale,  Santa Claus o i 3 Re  Magi venuti dall'Oriente per portare doni al neonato Messia, secondo la tradizione di ogni popolo cristiano.
Spagna, ad esempio, ha introdotto l'albero era una signora russa che ha sposato un nobile e il primo inverno ornamento suo palazzo con il simbolo della vita e della resurrezione , in  Italia invece è stata la regina Margherita che ornamento  il Quirinale con un pino allegro con piccole candele e nastri e tessuti con uncinetto e paglia  come ornamenti.

Le canzoni, in principio erano le canzoni di ville,  allegre canzoni popolari in cui i fatti sono raccontati e poi anche cantato l'amore dalla sacra famiglia Maria e Gesù e il padre gentile che accetto questo bambino con amore,  Jose  capofamiglia.
Canzoni di Natale non solo per intrattenere i bambini, ma per educarli e dire loro storie piene di valori, e ricordare che non solo  si canta al bambino Gesù,  si canta anche Rudolph la renna dal naso rosso, non vediamo  come questo potrebbe offendere i bambini non cattolici, Loro sono felici con la musica e orgogliosi di giocare insieme.

Quindi penso che siamo oggi NOI  coloro che ci trateniamo a  travisare perennemente,  cui creiamo i conflitti e barriere, ci affrettiamo a accettare per buone  le idee sbagliate è in qualsiasi parte ci allontaniamo tra di noi umani, esseri umani, sensa dividerci per caste finte  di atei , musulmano o di  cristiani, forse perché il direttore della nostra Scuola interiore, era stonato e non riusciva a cantare canzoni allegre o era sordo e non poteva sentire le risate dei bambini ... solo i bambini che giocano in cortile o gruppi senza allontanarsi



No hay comentarios: