12/2/08

I viaggi di Cuba


P arleremmo di tre viaggi ideali per conoscere la isola verde piu diversa del Caraibi.-


Visitare Cuba e non vedere la cosmopolita capitale caraibica e fare una omisione imperdonabile, le sue piazze moderne , e la Vecchia Avana, con la Piazza della Catedrale, un sogno di tutti prendersi un caffè o un aperitivo quando arriva la sera ascoltando musica dal vivo,camminare le strade di mattone in mezzo al viavai dei cubani sorridenti e simpatici per natura.

Ballare nel Palazzo della salsa, o Nel Cabaret Parisien del Nacional, o semplicemente passeggiare per il Malecon, il lungomare romantico e vitale che come una grande arteria vitale avvolge la capitale cubana in una aura di romanze e quotidineidad , visitare i musei, e percorrere le strade fino a filmare il maestoso Castello del Morro la fortezza che difende la entrata della Bahia dove si svolge la cerimonia delle 21 ore detta EL CAnonazo delle 9, ricordando tempi della colonia per abbraciarzi sotto le stelle econtemplare LA HABANA che si accende dopo il tonfo della batteria ancestrale.

Visitare le ferie artigianali e la Maison casa della moda cubana, mangiare nel Ajjibe, o nella cucina di Liliam( famoso in tutte le guide internazionale come migliore ristorante a gestione casalinga lodato per l ‘scomparso presidente americano Jimmy Carter). E di li farse un giro alla vicina provincia di Pinar del rio, visitando il complesso Las Terrazas e l’orchideario e giardino botanico di Soroa, o percorrere l’incantevole litorale nord con il mare come compagno per tutta la Via Bianca fino alla citta de Matanzas per fare un tuffo ed spendere la giornata a Varadero…e poi lasciare per prossimi viagi la testa e la pancia del Coccodrilo la parte piu verde e indomabile della isola.

8/2/08

Hacerle el amor a la luna...es una cuestion de gatos.

Cuando leo a mi hija...me vuelvo joven.

Acéptame.
Acepto lo que quieras darme
Humilde ante tu sonrisa frágil,
Con la esperanza enredada en cada paso…
Porque al herirte me hiero.

Hasta lo profundo de mi cuerpo
Llevaré el amor que te profeso.
La plegaria de perdón a tu presencia
De rodillas sube hasta mis labios.

Endulza tu corazón… olvida mis acciones,
Descubre que me adoras aunque la ira te cubra.
Suplico tu clemencia
Pues el privarme de tus ojos
Apagaría la luz del cielo a diario.

Siento tus dedos recorriendo mi rostro
En cada milagro de la luna.
Tus manos son mi tesoro
Tu aliento mi sed de amar
Si me aceptas un poema, una flor…
De la mirada a un beso sólo cabrá tu perdón.

5/2/08

LEZIONE DI’ STORIA




MACANA PA MABUYA

Le guerre di noi cubani sono infinite, le prime risalgono alla epoca degli indiani, e troviamo bellissime passaggi che raccontano successi e gesti de ribellione e coraggio e anche tragedie, come quella relativa a Guamá grande cacique indiano che fecce feroce resistenza ai colonizzatori spagnoli con in mano una macana di buon legno , Guamá che catturato e condannato a bruciare nel fuoco degli spagnoli , dopo ascoltare al prete che gli parlava di una vita migliore se abbracciava al buon dio cristiano, e sapendo che moglie e figlia restavano in mano ai colonizzatori aveva chiesto in cambio della sua anima infedele che la chiesa le permettesse abbracciarle e con fiero gesto aveva rotto il collo a entrambe gettandoli a terra e gridando ne figlia ne moglie di Guamá saranno preda di voi facci pallide figli di Mabuya...
Guerre anche per ottenere una propria identità nazionale quando già colonia spagnola il popolo criollo conformato da mulatos, neri liberi o cimarrones, y bianchi figli di hacendadoss, di spagnoli, di contadini o semplicemente quelli con il sogno della liberta nazionale nella seconda mettà del 1800 combatterono per avere una Cuba libera e indipendente , quella guerra nel período dopo il 1895 lascio orfano al mio bisnonno, orfano e pure anche reconcentrado por la truppa di un generale spagnolo Valeriano Weyler che credeva che spingendo per la forza i contadini nelle citta,l’esercito di mambises insorgenti non avrebbero avuto possibilità di rifornimento, peccato che lui non conto con gli americani che vedendo la cosa quasi conclusa fecero scoppiare dicono alcuni…., approfittarono della esplosione. dicono altri di un mercantile chiamato Maine…. e avanti a tutta macchina, si piantarono nella Bahia di Santiago di Cuba per fare un gesto eroico e Liberare l’ isola …carà compay potevano avere incominciato prima… ma c’era troppo caldo e poi c’era la febbre gialla, e poi meglio …. tarde che mai diceva MISTER SAM.


Arrivo la Repubblica e grande e piccole rivolte come guerre in minimo di popolo che si ribellava a governanti e funzionari botelleros, e a i manganelli e bicho de buey della polizia e qualcosa e certo tanto che finalmente arriviamo alla famosa Guerra de Guerriglia, la detta Guerra di Liberazione che culminerà con la scapata di Batista pieno di soldi e diamanti la notte di capodanno di 1958 e la entrata di Fidel con suoi Barbudos il 8 di gennaio di 1959 a La Havana, poi cominciano le guerre interne, la caccia a i Mercenari nella Bahia di Porci, e la lotta nelle montagne di la regione centrale e furono guerre massimamente di cubani contro cubani, orchestrate degli americani, dei gruppi di resistenza pagati per i ricchi scapati e una altra volta usiamo macana contra mabuya, soltanto che mabuya era di casa nostra e ci schieravano, ma quando comincio il vero incubo fu quando negli anni 70 cominciamo a fare uso della macana contra un mabuya non in terra nostra e passiamo alla guerra in nome di una cosa strana chiamata internazionalismo proletario, erano guerra per aiutare popoli a liberarsi, guerre che ucideronno nostri e nessuno diceva niente …in principio fu molto stranno, silenzio uomini che erano citati a maniovre militare di riserva, uomini che sparivano una notte, ricordo la mulata Fermina che nella tienda dopo tre giorni che il marito Pepe non tornava aveva percorso tutte i bar della citta, i posti dove si giocavano galli da nascosto e girava con un cavo eletrico de 10 di diametro girato como una frusta disposta a fare a pezzi la stronza che mi lo sta portando via…, povera Fermina, la stronza della morte , se lo porto via quando Pepe, … moreno rumbero y sorridente, muratore e manovale di altri muratori, buon padre di diversi figli e amante ricercato , ebbe la disgrazia di essere tenente di artificieri e comandare una squadra
Nei campi di Menongue in Angola, pestando una mina ripiantata per un angolano per niente d’accordo a che cubani e russi inficeranno il naso nella loro causa civile.

Mabuya utilizzando IKU … si portò via Pepe, e Yasser, e il figlio unico de Gladys, una amica di mia mamma che aveva avuto il suo adorato bebè quando aveva già 42 anni, dopo essere stata anche lei nella Sierra, comunista sfegatata aveva per sino collocato il figlio come pilota militare aspettando che quando la età di volare un aero militare scadesse lui potesse diventare pilota commerciale, e lascio la mia casa senza figli maschi, e il mio mondo rotto senza mio fratello gemello e Mabuya continuo a portare via i nostri uomini, più di 20 mila e nessuno diceva nulla e nessuna famiglia sapeva nulla, e io senti un grande dolore nelle gambe e mi doverono aiutare a camminare verso casa un pomeriggio, e mia mamma mi porto dai dottori,da un santero, da un babalawo, e da un palero e finalmente da uno psicologo, per che io non volevo dire cosa avevo ma io sapevo, Dio, io sentivo che mi mancava un pezzo da me stessa, come quando da bambini lui era andato dalla nonna e aveva avuto un incidente, come quando io avevo dovuto farmi un aborto di nascosto e mio fratello girava per casa come si lui fosse sotto anestesia, e per colpa di Mabuya mai più abbiamo celebrato il giorno della mamma, perche l’altro era nato un 13 di maggio e mia madre che era bellissima da quando ha saputo una e l’altra perdita divento bianca di capelli e triste per sempre e io anche mi riempi di grigio in testa con soltanto 26 anni e mai più ebbe fratellini, e mia figlia non consoci a suoi zii, e quando uno suo padre dissi che non li dava il cognome non ci furono uomini a casa per romperle i denti o per fare l’immagine del papà che non ha avuto mai. Ho tanto dolore dentro ma so che miei genitori ne hanno mille volte più di me, mio padre imparò a meditare e mia madre raccolse tutte le fotografie e le mise sotto chiave.

Macana pa Mabuya, con tutto il dolore e la rabbia di essere lontani da casa, nostri uomini hanno dovuto combattere contro mabuya o contro IKU, e come i cubani sono bravi e feroci quando alzano la macana o il machete o un AK, hanno vinto una guerra fatta di sangue e di carne, di lontananza ma sopra tutto una guerra di concetti errati, e una guerra lontani da casa, e cosi furono in Nicaragua anche nel Ogaden a Etiopia, risulta che dovevamo fare la carne di cannone per che resistevamo meglio il caldo che i russi, erano quindi mercenari internazionalisti in nome de l’ideale comunista, no maledetto quello che sognava essere giusto e nobile, loro erano la Macana ma si loro erano la Macana allora se tutto cambia e a qualcuno non li va, se qualcuno alza la macana per imporre un punto di vista una altra volta in casa faremmo di macana e se cosi fosse …cavolo ho trovato a Mabuya

Per sempre EVA

Il paradiso non solo per il sole, le spiagge di sabbia bianchissima e il clima dolce e caldo, anche Cuba ha una tristissima fama come terra delle donne dolci e disposte favorevolmente a subire colpi di fulmine per gli uomini stranieri, oppure detto cinicamente per le loro tasche e portamonete.

Eva come sempre, anche nella figura delle Maria Magdalene moderne, in questa isola bella subiscono delle punizioni e persecuzioni sempre diverse de quanto possono essere controllati gli uomini, ma per che questa differenza nella cosiddetta Mano Dura, del governo e gli enti del ordine e la sicurezza pubblica?. Certamente si puo constatare che in qualsiasi posto ad esempio nella capitale cubana, e fattibilissimo che una giovane donna che gira con un straniero sia chiamata a mostrare i suoi documenti e controllata tramite il centralino della polizia , diciamo in proporzione 5 a 1 in confronto a un uomo che faccia stessa figura.

Le donne cubane o meglio ancora, le ragazze cubane, hanno iniziato una diaspora per il mondo facendo anche loro una estranea e anche triste migrazione socio-economica. Quante famiglie cubane al giorno di oggi no mangiano e vivono diversamente di come le avrebbe toccato, se una loro femmina no avesse sacrificato la sua posizione morale per andare a cercare un turista straneo al quale fare innamorare con la gran dolcezza inerente a le donne di la bellissima isola del carabi.

Quando il crollo del mito Unione Sovietica, la isola aveva una bella percentuale di tecnici,impiegati ed altri collaboratori dei paesi detti Came in testa logicamente uomini dei popoli della confederazione rusa, che lavoravano nelle diverse industrie e settori di sviluppo dei loro affari nella isola di Cuba disseminati per ogni provincia abitavano nei casermoni detti microdistrito in appartamenti sia di singoli come i capi o tecnici principali con le loro famiglie. Ma in quel momento e prima, non c’era un commercio carnale degno di essere notato, qualche uomo si innamorava e qualche donna anche, ma sempre sotto il controllo di ogni parte era molto normale vedere i ragazzi maschi cubani che avendo ottenuto una beca di studi fuori Cuba rientravano a casa con qualche bieloruso, ucraina,rusa o mongola, che aveva colpito il loro cuore per i biondi capelli e gli occhi azzurri, cosi come loro facevano sensazione con le pelle vellutate dei neri e mulati e il dorato canela dei bianchi, cubani sorridenti, allegri , amanti del ballo e non passiamo per alto il fatto che essendo latini a letto buoni amanti.

Ma la situazione comincia a diventare intollerabile dovuto al proprio crollo , come ben si sa la Repubblica di Cuba soffre un terribile periodo nei primi anni 90 , definito dal loro comandante in capo come Periodo speciale, niente carne ed altre prodotti basici, il latte in polvere diventa difficile per che la detta canasta basica dei cubani arrivava fondamentalmente della fallita URSS, quasi niente dei prodotti meno fondamentali ma anche importantissimi per la comodità del essere umano tali come shampoo, profumi, igiene intima(tampax ed altri),olio, dentifricio, tante che sarebbe una immensa lista di nomi, e in tanto i turisti cominciarono ad arrivare attratti del bello del clima e le spiagge, dei prezzi al inizio molto buoni che lanciavano la isola ribelle al mondo del commercio turistico con il suo fascino e con il carisma di Fidel e de tutti i cubani ribelli ma ospedalieri come quasi nessun popolo nel mondo, sopra tutto le garanzie de che no ci sarebbero rapine, e un livello basissimo di criminalità facevano a Cuba battere Santo Domingo, Gamaica , ed altri e incomincio anche la tremenda strada scelta per le donne.

Nel 1994 viene eliminata la penalizzazione che c’era per avere in possesso dei dollari e comincia l’acquisto libero nei negozi che fino adesso erano soltanto accessibili a turisti e cooperanti internazionalisti tornati della guerra di Angola, collaborazione a Irak, Libia, Nicaragua,Yemen, Algeria, ed altri paesi dove cuba aveva fatto convenni per disseminare la solidaria socialista e le idee marxiste leniniste che erano fonte del loro programma politico .Comincia quindi per la popolazione il acquisto si en possesso dei dollari che cominciano ad avere valori di cambiali al inizio alti tanto che 120 pesos cubanos (moneta locale) permettevano ottenere soltanto 1 dollaro americano, nel mercato nero apparso del cambio tra cittadini, il governo comincia una serie di movimenti per cercare di rimettere la economia in modo si soddisfare il bisogno della popolazione, arrivano le donazioni, e anche si fanno leggi nuove che favoriscono l’arrivo di la industria dei paesi sviluppati sopra tutto europei, Spagna e Italia cosi come Francia entrano nel mondo degli affari cubani rappresentati de uomini di affari e piccoli industriali che accettano il rischio paese e piombano con offerte in quel momento ritenute valide per il governo cubano.
Il turismo ha un boom e comincia la costruzione de alberghi sotto imprese miste, i contratti molto favorevole per Agenzie grossiste o Tur Operatori che prendevano in esclusivitá istallazioni o prodotti del mercato turistico facendo tra 1994 e 1998 fiorire la industria turistica cubana.
E comincio anche il fluire de uomini che arrivavano a Cuba preferendo questa meta turistica nuova che trasferirsi a Thailandia o Filippina, e gli alberghi ospitavano non solo turisti normale sino anche copie miste de turista e fidanzata cubana poi come sempre accade arrivarono anche quelli esseri deplorabili che venivano a la ricerca della carne giovane, delle fotografie porno, dei volti freschi a sfruttare il bisogno immenso, io faccio testimonianza davanti a chiunque, ho visto personalmente a la cita de Ciego de Avila nel 1993 ragazze di campagna talmente povere e bisognose in quel momento che sono state praticamente sfruttate per turisti disgraziatamente italiani percependo in cambio una bottiglia di olio di seme de girasole, saponette,dentifricio del Capitano e 5 dollari, per una settimana, qualcuno si pensa …esageriamo! , no, é cosi, tante cubane potranno dire : é cosi, fu cosi, 18, 20 anni contro 60 e di piu, e poi i signori a casa con la pulita immagine in paese suo di un uomo bravissimo, e la ragazza a casa felice per che portava qualcosa a i suoi.

La situazione cresce, si va di mano, agenzie turistiche si lamentano che no possono vendere pacchetti a famiglie per che le signore si sentono preoccupate e offese, in quanto davanti a loro, i mariti sono incitati e sollecitate di una certa massa de donne al ingresso degli alberghi, il bellissimo Malecon, lungomare della capitale pieno di ragazze e i loro amici, la 5ta, un corso assai bello fa il serrale corso di passeggiata con le figure snelle e sorridenti che chiedono discretamente passaggio e altri incidenti , diventano il catalizzatore per fare scoppiare le misure e le donne vengono razziate a Varadero, e la loro morale per sempre segnata delle famose lettere di avvertenza e il computer centrale della Polizia con una macchia che fa salire nella loro carta de identità… pratica di prostituzione… secondo decide il poliziotto di turno.
E le donne crescendosi per che il pane a casa lo volevano portare, perche, trovare un turista detto in nostro dialetto : yuma, per loro e una maniera di uscire, viaggiare, non importa che questo sia quasi il suo nonno, no interessa sapere se e benestante da vero o sembra ,in una terra dove mille euro sono una bella somma, il turista che arriva volendo fare una figura bella davanti a le ragazze in discoteca o al mare spendaccione di una settimana due volte al anno cava un po la sua propria punizione, la dolcezza,allegria e bellezza della pelle giovane le rubano il cuore e torna a casa facendo la peggiore pubblicità del mondo, cubane donne uniche , e le legge proibiscono il contato con cittadini esteri per tutte le donne, e separano creando cosi un amaro sapore nella bocca di tutti, per che ci sono le ragazze che hanno scelto la strada facile, quelle che sera per sera rovinano la loro salute a lungo termine salterellando nelle discoteche, dormono poco, mangiano pollo e patatine e bevono birra e mojito, e ci sono anche le ragazze normali quelle che vanno a scuola, lavorano e magari trovano anche loro una persona che gli fa innamorare , donne anche belle reduci di una legge non scritta ne riconosciuta piu dura a volte che qualsiasi altre, le donne a Cuba invecchiano troppo presto diceva un amico , vero, amaro ,ma certo, a trenta anni gia sonno quasi vecchie per i loro uomini quando in Europa una donna e pienamente matura a 40 anni fiore aperta totalmente e la sua bellezza e grazia fanno girare la testa a uomini , in quella isola ardente e allegra sono gia nonne in potenza, quindi anche per una dona di 30 anni essere innamorata e importante e si trova punita segregata e un rapporto che magari poteva avere un ritmo piu lento di conoscenza mutua fino ad arrivare al contato fisico si accelera , se visiti l’straniero nel posto di renta dove si trova ( camere nelle case dei privati a i cui ,tramite il pago di una patente di affitto il governo autorizza sorprendentemente ad alloggiare una copia mista previa la registrazione e informazione a le autorità dovute de i dati della carta de identità de la parte cubana sia uomo o donna)quindi la relazione diventa carnale perche oramai si è in ballo, cosi mi diceva una donna, la quale si lamentava, ma sai che dobbiamo sposarci senza praticamente conoscersi uno ad altro ? perche sai vedi poco una persona che abita lontano e a la quale logicamente si lavora o ha sui affari personali no le e facile viaggiare spesso vista la distanza, e allora cerchi di venderti come immagine il meglio possibile e anche la altra persona e poi ti trovi che no sai minimamente come e in realtà questo che sarà tuo partner ma anche lui che tempo ha avuto di capire se veramente sei una donna in gamba.

Per tutto quanto e tante altre situazioni che no stiamo ad analizzare adesso la bellissima isola de azucar y miel, de ron y de musica, e anche il paradiso prigione de Eva ma contraddittoriamente vive moltissimo da Eva, ma fino a quando ?